Lenti a contatto e freddo, consigli e precauzioni

Lenti a contatto: occhio all'inverno!

Come salvaguardare la propria vista dal clima rigido

Consigli

Quando c’è vento e fa freddo, gli occhi devono essere ancora più protetti rispetto al solito, soprattutto quando si indossano le lenti a contatto. Ecco perché durante l’inverno, la cura per il proprio sguardo, richiede un maggiore impegno prestando attenzione, a più aspetti, per prevenire disturbi alla vista semplicemente seguendo pratici ed utili consigli.

Esistono diversi tipi di lenti a contatto per rimediare a tali problemi oculari, ma non ci sono lenti a contatto specifiche per il freddo. In generale, il materiale con cui sono realizzate la maggior parte delle lenti, sono adatti sia alle basse temperature, sia a quelle più alte, quindi sia quando fa freddo, sia, al contrario, quando c’è più caldo, per questo, sono sempre dello stesso tipo. Non ci sono nemmeno tante differenze a seconda del modello: che siano giornaliere, quindicinali o mensili, risultano essere idonee per tutte le temperature, per tutte le stagioni! Nel caso, però, in cui si dovessero avvertire dei fastidi o dei disturbi per colpa del freddo o per una folata di vento, meglio consultare il proprio oculista o il proprio medico curante.

In inverno, capita di sottoporsi a forti sbalzi climatici, che si verificano quando si passa, nel giro di poco tempo, dal caldo delle abitazioni riscaldate, al freddo degli ambienti esterni ed umidi, dove la lacrimazione degli occhi può diminuire notevolmente, portando dei problemi, anche seri, alla vista. Proprio per questo, durante la stagione invernale, è preferibile tenere sempre in borsa o comunque con sè, una confezione di lacrime artificiali da usare all’occorrenza, quando si secca l’occhio, al fine di reidratarlo per bene.

Precauzioni

La salute dei nostri occhi è una cosa fondamentale da prevenire e tutelare durante tutto l’anno, in particolar modo nel periodo invernale, quando le temperature si abbassano sensibilmente, specialmente in alcuni Paesi. Le precauzioni, da seguire su come proteggerli, sono varie.

  • In caso di freddo intenso, quando le temperature sono rigide, ovvero il termometro segna gli 0°C o addirittura va al di sotto, si nota una diminuzione del livello di umidità dell’aria. Questo cambiamento climatico, fa sì che l’occhio reagisca producendo una maggiore quantità di liquido lacrimale, in modo da garantire l’idratazione costante del bulbo oculare. Proprio per questo motivo, ci si asciuga continuamente. A tal proposito, meglio indossare gli occhiali da vista rispetto alle classiche lenti a contatto.
  • Con il vento forte, così come con il freddo, si determina una riduzione del livello di idratazione dell’occhio, che quindi, come spiegato in precedenza, produce, per autodifesa e prevenzione, liquido lacrimale in eccesso. Anche in questo caso, il consiglio è quello di munirsi delle lenti fisse.
  • Per via dei continui sbalzi termici, l’occhio risentendone, può subire l’insorgere di congiuntivi irritative che si presentano sotto forma di rigonfiamenti ed arrossamenti intorno al bulbo oculare. Per ovviare a questo problema, si può ricorrere all’uso di lacrime artificiali, ma solo dopo aver consultato un medico esperto di tale specifica patologia.
  • Quando si trascorrono dei giorni in montagna, bisogna ricordarsi di adottare gli occhiali o, che si voglia, le lenti a contatto, di un particolare filtro per protezioni dai raggi del sole UV, anche quando il cielo si presenta nuvoloso o con foschia.

In generale, per prevenire questi disturbi, è meglio indossare gli occhiali da vista o comunque dosare, in modo parsimonioso, l’utilizzo delle lenti a contatto. Non farsi mancare mai liquidi o soluzioni saline o, come suggerito, lacrime artificiali, che gioveranno ogni volta che si dovrà contrastare la secchezza oculare, fastidio molto frequente, come analizzato, soprattutto durante la stagione invernale.

Sei un ottico o un rivenditore?
Scopri le soluzioni di lenti a contatto di Marshal Intergroup
Voglio contattarvi per le vostre soluzioni di lenti a contatto