Lenti a contatto qualche consiglio contro il freddo

L’inverno è proprio lì, oltre i tuoi occhi…

Proteggi lo sguardo con le lenti a contatto più adatte

Consigli

Da sempre, il clima rigido ed il vento forte, rappresentano una minaccia per i propri occhi. Infiammazioni, arrossamenti e sensazione di secchezza, possono essere all’ordine del giorno. E quindi massima attenzione, anche quando si hanno le lenti a contatto. Pochi accorgimenti, spesso molto semplici e basilari, per rimediare ad eventuali fastidi causati dal freddo. Chi è fruitore di LaC, si starà chiedendo: ma esistono specifiche lenti adatte per il periodo invernale? Beh, la risposta è no! Ma non c’è assolutamente da preoccuparsi. I materiali con cui sono composte, sono resistenti ed idonei per qualsiasi tipo di temperatura, sia al caldo, che al freddo. Ovviamente, fermo restando, i casi estremi. E quale modello utilizzare? Tutti i tipi in commercio: che siano lenti a contatto quotidiane, settimanali o mensili, l’efficacia e la protezione sono garantite! Però, non lasciare mai, disfunzioni o problemi, al caso. Ogni dettaglio, potrebbe risultare come un piccolo campanello d’allarme. Se si avvertono fastidi al bulbo oculare, meglio rivolgersi quanto prima, al proprio medico curante o all’oculista di fiducia. Un controllo specialistico, potrebbe liberarci da qualche ansia o dubbio in particolare. Tra le conseguenze di tali disturbi, c’è sicuramente una forte ed eccessiva lacrimazione, tipica dell’occhio “infreddolito”, ma che è possibile rimediare sia con un utilizzo corretto delle lenti a contatto, che idratandolo spesso o con soluzione salina o con lacrime artificiali.

Precauzioni

Quando si tratta di occhi, è fondamentale non abbassare mai la guardia e prevenirli e difenderli da qualsiasi fattore esterno che possa, in qualche modo, crear problemi ed eventualmente danneggiarli, alterandone il normale stato di salute. Prendersene cura è importante, ogni giorno, con piccoli gesti, soprattutto quando le temperature sono rigide ed il bulbo oculare potrebbe risentirne ulteriormente. I consigli sono molteplici. Ne proponiamo alcuni, tra quelli strettamente necessari:

  • Con il termometro sotto una certa soglia di temperatura, l’occhio, avvertendo la situazione di disagio e tendenzialmente di pericolo, si difenderà in qualche modo. Una delle azioni, è la produzione in grandi quantità di lacrime, indispensabili per idratare in maniera costante il bulbo oculare. È consigliabile, in circostanze come queste, l’utilizzo delle lenti fisse, al posto di quelle a contatto.
  • Stesso discorso, per quel che riguarda vento forte e freddo gelido. Evitare le lenti a contatto e premunirsi, anche in queste condizioni climatiche, di occhiali da vista. Agevoleranno, l’occhio a rilassarsi e a garantirsi riparo dietro ai vetri spessi.
  • Bulbo oculare che può essere terreno fertile per congiuntiviti ed arrossamenti, poiché con le temperature dei mesi invernali, insidiano la zona interessata, che resta comunque alle intemperie e non sempre riesce a trovare un modo per proteggersi.
  • Anche il luogo che si predilige per qualche giorno di relax o per una vacanza, può determinare la “strategia” per i propri occhi, e di conseguenza per le lenti a contatto, poi, da utilizzare. Che sia montagna o mare, non c’è molta differenza. Occhio, parola assolutamente pertinente al tema affrontato, al sole ed ai suoi raggi UV, che possono danneggiare l’occhio, se esposto in maniera errata e continuativa.
Sei un ottico o un rivenditore?
Scopri le soluzioni di lenti a contatto di Marshal Intergroup
Voglio contattarvi per le vostre soluzioni di lenti a contatto